> Home > Cosa visitare > Chiese e Monasteri


Visualizza sulla mappa

Sante Flora e Lucilla San Giovanni d'Asso

CHIESE E MONASTERI

Sante Flora e Lucilla

PROPONI INTEGRAZIONI O CORREZIONI
Per ricevere maggiori informazioni su questo luogo o per segnalare correzioni ed integrazioni all'argomento trattato compila il modulo sottostante:










RECAPITI E ORARI

Sante Flora e Lucilla
Montisi



Biglietto da visita (vCard)


ORARI DI APERTURA E VISITA:
Visitabile su richiesta.

A vederla solo dall'esterno, nella sua facciata così spartana, la Chiesa delle S.S.Flora e Lucilla non offre indizio alcuno della bellezza dell'interno, enfatizzata da un ricco apparato decorativo. 


È, dopo la Pieve della SS.Annunziata, la chiesa più importante di questo piccolo centro. Fu costruita nel XIII secolo in stile romanico. Il primo documento in cui appare menzionata è nelle decime degli anni 1278-1279: la chiesa, allora facente parte della giurisdizione della Pieve di Santo Stefano a Cennano, porta il nome di S. Flore de Monteghisi. 


Nel 1732 la chiesa fu oggetto di un importante restauro nel corso del quale vennero costruiti nuovi altari in stucco, tra i quali uno dedicato a San Giuseppe con la relativa statua, la cantoria con un organo positivo a sei registri e una nuova sacrestia; la chiesa venne solennemente consacrata dal vescovo di Pienza Settimio Cinughi l'anno successivo. 


Tra il 1857 e il 1858 fu effettuato un nuovo restauro, finanziato dalla famiglia Mannucci Benincasa e dal Granducato di Toscana. In tale occasione la chiesa venne ampliata con il transetto e l'abside, venne realizzata la volta a vela della navata e vennero edificati il campanile a torre (infatti precedentemente era a vela con due arcate ciascuna con una campana) e una sacrestia più ampia. Tra il 2009 e il 2010 la chiesa è stata interessata da un restauro di rifacimento del tetto e della facciata. ed ulteriori restauri di non poco impatto vi furono operati nel 2014.

 

Dell'essenzialità della facciata si è già accennato sopra: è a capanna con cornicione superiore in pietra scolpito e sormontato da una croce in ferro battuto. Al centro della facciata si trova il portale ligneo, sul quale sono dipinte due croci di Malta; esso è circondato da una cornice in pietra priva di decorazioni. Il campanile attuale risale all'Ottocento.


L'interno della chiesa è a navata unica con pianta a croce latina, in gran parte frutto dei restauri del XIX secolo. La navata si articola in quattro campate rettangolari ciascuna coperta con volta a vela e separate da archi a tutto sesto poggianti su semipilastri. Nella prima campata, a ridosso della controfacciata, vi è la cantoria settecentesca; essa poggia su due colonne tuscaniche ed ospita la cassa, vuota, dell'organo a canne. 


Nelle due campate centrali, si trovano quattro altari laterali in stucco con mensa poggiante su due mensole e ancona inquadrata fra due colonne composite reggenti il frontone: 

- il primo altare di destra è dedicato a Sant'Antonio da Padova ed ospita una sua statua processionale; il primo altare di sinistra è dedicato a San Giuseppe ed ospita una statua in stucco dipinto raffigurante San Giuseppe con Gesù Bambino; 

- il secondo altare di destra è dedicato al Crocifisso ed è sormontato da una tela del XVII secolo, originariamente sull'altare maggiore, raffigurante Gesù in Croce tra i Santi Flora, Lucia, Maria Maddalena, Agata e Martino; 

- il secondo altare di sinistra è dedicato al Santissimo Nome di Gesù e sormontato da una tela settecentesca con la Circoncisione di Gesù. 


Ciascuno dei due bracci del transetto ottocentesco è composto da una profonda cappella coperta con volta a botte fino a poco tempo fa affrescata a cielo stellato e illuminata da una finestra a lunetta che si apre nella parete di fondo; sotto quest'ultima, vi è un altare ligneo in stile neogotico. 


L'altare del transetto di destra è dedicato al Sacro Cuore di Gesù e dispone di un semplice tabernacolo con sportello ad arco ogivale; sopra di esso trova luogo una statua lignea in cartapesta dipinta policroma raffigurante il Sacro Cuore di Gesù.


L'altare del transetto di sinistra, invece, è dedicato alla Vergine del Rosario ed è caratterizzato da un paliotto con decorazioni a bassorilievo raffiguranti ai lati due rose e al centro il monogramma mariano. 

SOGGIORNI NELLE VICINANZE

LA LOCANDA DI MONTISI

SAN GIOVANNI D'ASSO

La Locanda di Montisi è un piccolo albergo di charme nel centro storico di Montisi,...

SAN MARTINO

SAN GIOVANNI D'ASSO

Antica fattoria ai margini del pittoresco borgo di Montisi, in posizione panoramica. Ospi...

BOMBINA

SAN GIOVANNI D'ASSO

L'agriturismo "Podere della Bombina" è situato, nella provincia di Siena,...

RISTORO E SVAGO NELLE VICINANZE

Teatrino della Grancia di Montisi

SAN GIOVANNI D'ASSO

Nell'ala occidentale della Grancia di Montisi si trova un piccolo teatro. Esso nacque come...

Ristorante La Locanda Del Castello

SAN GIOVANNI D'ASSO

Benvenuti a la Locanda del Castello di San Giovanni d’Asso piccolo hotel di charme n...

Bar Associazione Assofutura

SAN GIOVANNI D'ASSO

...